Glossario - voci con B

Cliccare su una delle lettere elencate per richiamare la pagina con i termini che iniziano con tale lettera.
Bandeggiamento (Tecniche di) cerca ricorrenze

Insieme delle tecniche di colorazione speciale che permettono di analizzare e caratterizzare singolarmente i cromosomi. Le principali tecniche di bandeggiamento vengono indicate con lettere maiuscole dell'alfabeto: C, G, Q, R ecc. Ad esempio, Il bandeggiamento C prevede la colorazione con liquido Giemsa di cromosomi denaturati ed evidenzia l'eterocromatina costitutiva presente a livello del centromero. Aberrazioni cromosomiche di una certa entità quali delezioni, inversioni, traslocazioni sono spesso evidenziabili con tali metodiche, rendendo il bandeggiamento una tecnica di diagnosi citogenetica.

bar cerca ricorrenze

Unità di misura (simbolo b) della pressione nel sistema C.G.S. (1 bar=0,987 atmosfere). Il sottomultiplo millibar (mb) è molto utilizzato.

barile cerca ricorrenze

Un’unità di volume utilizzata spesso per esprimere la quantità di petrolio. Corrisponde a circa 159 litri, cioè a 42 Galloni Statunitensi.

Barriera ematoencefalica cerca ricorrenze

Struttura specializzata composta da capillari sanguigni particolari che impediscono il passaggio di molte sostanze dal sangue al cervello, prevenendo le alterazioni dell'’omeostasi cerebrale.

Base nucleotidica cerca ricorrenze

E' l'unità, il “mattone” fondamentale del DNA. Il DNA è composto da 4 basi nucleotidiche (chiamate Adenina, Guanina, Timina, Citosina; abbreviate: A, G, C,T). La loro successione nelle lunghe molecole di DNA può avvenire secondo infinite combinazioni, dando luogo alle sequenze che costituiscono i geni. L'alterazione di una sola base nucleotidica in alcuni punti di un gene può avere gravi conseguenze, e può perfino rendere il gene (e/o la proteina che è prodotta grazie al gene) completamente “inservibili”, oppure portare alla produzione di una proteina solo parzialmente funzionante. Molte malattie genetiche sono causate proprio dall'alterazione di una singola base nucleotidica (questo tipo di alterazione è detta mutazione puntiforme).

Basi azotate cerca ricorrenze

Fondamentali componenti degli acidi nucleici (DNA e RNA) composte di anelli azotati. Possono essere distinte in purine (adenina e guanina) o pirimidine (citosina e timina nel DNA o uracile nell'RNA). Legami idrogeno fra le basi azotate uniscono i due filamenti di DNA a doppia elica.

Basi del DNA cerca ricorrenze

adenina, citosina, guanina e timina. Composti chimici elementari la cui sequenzialità è alla base del codice genetico; gruppi di tre basi specificano un amminoacido. L’'unione di una base con uno zucchero ed un atomo di fosfato rappresenta un nucleotide, elemento di base degli acidi nucleici. Nell’'RNA la timina è sostituita dall'’uracile.

BAT (Best Available Technology) cerca ricorrenze

La tecnologia più efficiente ed avanzata disponibile industrialmente in quel momento sul mercato ed applicabile in condizioni tecnicamente valide, in grado di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente nel suo complesso. In questa definizione rientrano anche le modalità di progettazione, costruzione, manutenzione, esercizio e dismissione di un impianto. L’applicazione della migliore tecnologia disponibile per la riduzione e l’abbattimento dell’inquinamento generato dall’esercizio di un impianto è la base sulla quale il legislatore fissa i valori limite di emissione degli inquinanti.

Batteri cerca ricorrenze

microrganismi unicellulari, caratterizzati dall'’assenza di un nucleo morfologicamente definito e visibili al microscopio ottico.

battericida cerca ricorrenze

Si riferisce alla capacità di uccidere cellule batteriche vegetative, ma non necessariamente spore batteriche.

Batteriofago cerca ricorrenze

o fago è un virus che sfrutta i batteri, e questi soltanto, come ospiti, ossia come macchinari della propria replicazione

batteriostatico cerca ricorrenze

Si riferisce alla capacità di fermare la moltiplicazione di cellule batteriche vegetative, senza necessariamente ucciderle. La loro moltiplicazione in genere riprende nel momento in cui il batteriostatico viene rimosso.

BCM cerca ricorrenze

body cell mass o massa cellulare, massa metabolicamente attiva

Becquerel (Bq) cerca ricorrenze

Unità di misura dell'attività nucleare nel Sistema MKS (metro, chilogrammo e secondo) e nel SI (Sistema Internazionale); corrisponde ad una disintegrazione al secondo.

Benessere cerca ricorrenze

Il concetto di benessere nel corso degli anni ha subito numerose modifiche e ampliamenti, che hanno condotto ad una visione del termine più ampia e completa, non più incentrata sull'idea di assenza di patologie, ma come uno stato complessivo di buona salute fisica, psichica e mentale, nonché sociale. Pertanto il  BenEssere individua una condizione ottimale dell’individuo in piena armonia con se stesso e con l’ambiente che lo circonda; tale stato coinvolge tutti gli aspetti dell'essere umano, e caratterizza la qualità della vita di ogni singola persona.

Benton cerca ricorrenze

Insieme degli organismi che vivono a contatto o nelle immediate vicinanze del fondo marino, lacustre o fluviale. 

benzene cerca ricorrenze

Idrocarburo di formula C6H6 a struttura esagonale (6 atomi di carbonio e 6 atomi di idrogeno). E’ il composto-base della classe degli idrocarburi aromatici, dal caratteristico odore pungente; a temperatura ambiente volatilizza assai facilmente. E’ la sostanza aromatica con la struttura molecolare più semplice (un solo anello). E’ presente nel petrolio greggio e viene prodotto in alcuni processi di raffinazione, per cui si ritrova in piccole quantità anche nella benzina (della quale migliora le prestazioni. E’ largamente utilizzato come solvente e come materia prima chimica (resine, esplosivi, ecc.). E’ un prodotto tossico per il sistema nervoso centrale in caso di esposizioni elevate ed è classificato cancerogeno per lunghe esposizioni. Il valore medio di esposizione professionale al benzene è definito definito dalla Direttiva 97/42 (limite di 1 ppm pari a 3,25 mg/mc). L’ACGIH (American Conference of Governmental Industrial Hygienists) indica un TLV-TWA di 0,5 ppm e un TLV-STEL di 2,5 ppm. La componente principale dell’esposizione non professionale al benzene risulta il fumo.

benzina cerca ricorrenze

Carburante ottenuto dalla raffinazione del petrolio e costituito da numerosi composti idrocarburici presenti in proporzioni variabili a seconda del ciclo produttivo e del tipo di utilizzo.
 

benzina verde (benzina super senza piombo) cerca ricorrenze

Miscela di idrocarburi. Si presenta liquida alle normali condizioni ambientali di temperatura e pressione. E' costituita da tagli di diverse lavorazioni di raffineria, senza l’aggiunta di additivi di piombo. Ha un numero di ottano inferiore a quello della benzina super con piombo (95 contro 97). Può essere utilizzata da tutti i motori compatibili con il suo numero di ottano. Deve necessariamente essere usata dai veicoli equipaggiati con la marmitta catalitica.

Benzo(a)pirene cerca ricorrenze

E' uno degli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), classe di composti organici caratterizzati strutturalmente dalla presenza di due o più anelli aromatici condensati fra loro. E'’ stato dimostrato che l’'esposizione alle miscele di IPA comporta un aumento dell'’insorgenza del cancro, soprattutto in presenza di benzo(a)pirene, che sovente viene preso come indicatore o riferimento dell’'esposizione all'’intera classe di composti.

Benzoati cerca ricorrenze

Sono conservanti per cibi come torte, cereali, condimenti per insalate, caramelle, margarina, oli e lievito secco. Le reazioni a questi additivi sono comunque rare.

Beri-beri cerca ricorrenze

Malattia dovuta a carenza di vitamina B1 (tiamina) e caratterizzata da disturbi del sistema nervoso, dilatazione cardiaca, debolezza muscolare.

berilliosi cerca ricorrenze

Grave danno ai polmoni, di solito permanente, dovuto all’inalazione cronica di berillio.

Beta carotene cerca ricorrenze

Carotenoide particolarmente abbondante in natura, il beta-carotene è uno dei precursori della vitamina A ed è esso stesso un forte antiossidante. Si trova prevalentemente in frutta e ortaggi di colore giallo-arancione.

Bevanda cerca ricorrenze

Prodotto liquido destinato al consumo da parte dell'’essere umano.

Bevande funzionali cerca ricorrenze

Sono bevande integrate o arricchite o fortificate con speciali nutrienti (“ingredienti attivi”), capaci di favorire alcune funzioni fisiologiche e, più in generale, contribuire in modo specifico a preservare il benessere dei consumatori.

BHA cerca ricorrenze

Il butilidrossianisolo, noto anche con le sigle BHA o E320, è un additivo alimentare, è impiegato nell'industria alimentare come antiossidante. E' utilizzato in alcuni alimenti, per esempio patatine fritte e gomme da masticare, e, nella cosmesi, in rossetti e creme idratanti. Può causare allergie.

BHT cerca ricorrenze

Il butilidrossitoluene (o idrossitoluene butilato, noto anche con la sigla BHT) è un fenolo alchilato. A temperatura ambiente si presenta come una polvere cristallina bianca, poco solubile in acqua, solubile nei comuni solventi organici (in etanolo: 330 g/L a 20 °C). Trova impiego come antiossidante, sia nei polimeri che negli alimenti, in cui svolge una funzione conservante. Reagisce infatti facilmente con i radicali liberi, prevenendo l'ossidazione delle sostanze grasse, l'alterazione del colore e delle altre qualità organolettiche dei prodotti cui è aggiunto. È incompatibile con alcuni sali ferrosi.
Tra gli additivi alimentari è identificato dalla sigla E321, ed è solitamente impiegato insieme al butilidrossianisolo (BHA), l'E320. Può causare asma e orticaria.

Bicarbonato di sodio cerca ricorrenze

Sale dell'acido carbonico usato contro l'acidità gastrica e come lievitante nei prodotti alimentari.

Bilancio energetico cerca ricorrenze

Con il termine bilancio energetico si intende l’'equilibrio esistente tra l’'energia immagazzinata e l’'energia spesa, ovvero il rapporto tra la quantità di kcal immesse attraverso l’'alimentazione e le kcal consumate dal corpo in un giorno.

Bile cerca ricorrenze

Liquido filante amaro (verdastro) secreto dal fegato e conservato nella cistifellea; emulsiona i grassi e aiuta la loro digestione per cui svolge un'importante ruolo nella digestione.

Binge drinking cerca ricorrenze

il consumo di 6 o più bicchieri di bevande alcoliche in un’unica occasione.

Bio-idrogenazione cerca ricorrenze

Reazione di idrogenazione naturale, la bio-idrogenazione, parziale o completa, degli acidi grassi insaturi di origine vegetale (acidi linoleico e linolenico) ha luogo infatti negli animali ruminanti ad opera dei batteri anaerobi del rumine con produzione di una certa quantità di acidi grassi trans.

Bioaccessibilità cerca ricorrenze

indica la frazione di nutrienti rilasciata dalla matrice alimentare durante la digestione gastro-intestinale e disponibile per l'’assorbimento

bioaccumulazione cerca ricorrenze

Progressivo aumento nell’ammontare di una sostanza in un organismo o in una parte dello stesso per il fatto che la velocità di assunzione supera la capacità dell’organismo di rimuovere la sostanza dal corpo.

biocarburante cerca ricorrenze

Carburante gassoso o liquido prodotto da materiale vegetale (biomassa).

biocida cerca ricorrenze

Generalmente ma non necessariamente è una sostanza chimica artificiale utilizzata per eliminare le forme di vita indesiderate, in particolare nella moderna agricoltura. Può essere un pesticida, un insetticida, un antiparassitario.

biodegradabile cerca ricorrenze

Materiale che si può dissolvere in sostanze più semplici (elementi e composti) per azione dei batteri o di altri decompositori. La carta e la maggior parte dei rifiuti organici sono biodegradabili.

Biodegradazione cerca ricorrenze

Insieme di processi chimici operati da microrganismi e catalizzati da enzimi che trasformano composti organici complessi in molecole semplici e stabili, non inquinanti.

Biodisponibilità cerca ricorrenze

Indica che quantità del nutriente (o del tossico) ingerito sia effettivamente utilizzabile per l'organismo e possa essere quindi convertito nella forma fisiologicamente attiva.

Biodiversità cerca ricorrenze

Sinonimo di varietà delle forme di vita vegetali e animali presenti nei diversi habitat del pianeta. E'’ un concetto molto ampio che include, la diversità genetica all'’interno di una popolazione, il numero e la distribuzione delle specie in un’'area, la diversità di gruppi funzionali (produttori, consumatori, decompositori) all’'interno di un ecosistema, la differenziazione degli ecosistemi all’'interno di un territorio. La perdita di biodiversità si riferisce alla diminuzione di questa “variabilità” dovuta a fattori naturali e, in prevalenza, al progressivo aumento dei fattori di inquinamento, delle infrastrutture, degli insediamenti produttivi e dei centri urbani che riducono l’'estensione e la funzionalità degli habitat.

biogas cerca ricorrenze

Gas prodotto per fermentazione anaerobica in presenza di microrganismi (batteri acidogeni, batteri acetogeni e metanobatteri) a partire da rifiuti industriali e agricoli o fanghi dei trattamenti delle acque urbane. Il metano contenuto nel biogas può essere utilizzato per la produzione di energia. Dal processo di biogassificazione si ricavano, oltre al biogas, buoni fertilizzanti naturali. 

Bioindicatori cerca ricorrenze

Gli organismi vengono definiti come “bioindicatori” quando subiscono variazioni misurabili del loro stato naturale in presenza di inquinanti. Un organismo può essere considerato un buon bioindicatore se manifesta risposte biologiche identificabili correlate alle differenti concentrazioni di inquinanti (relazione dose/risposta). Il monitoraggio biologico o biomonitoraggio verifica le variazioni ecologiche indotte dalle alterazioni dell'ambiente a diversi livelli: da un lato l'accumulo di sostanze inquinanti negli organismi tramite i bioaccumulatori, dall'altro gli effetti causati tramite lo studio delle modificazioni morfologiche, strutturali o di vitalità degli organismi e le modificazioni nella composizione delle comunità animali e vegetali. Sono stati quindi messi a punto test atti a valutare la tossicità acuta, la tossicità cronica o eventuali danni al patrimonio genetico di adeguati sistemi biologici bersaglio. Per una più completa valutazione di un ecosistema si possono utilizzare differenti organismi come bioindicatori. 

biomagnificazione cerca ricorrenze

Successione di processi in un ecosistema a seguito dei quali dei livelli più alti di concentrazione si riscontrano negli organismi ai livelli più alti della catena alimentare.

biomassa cerca ricorrenze

Sostanza organica prodotta dai processi vitali. La parte residuale derivante dalle lavorazioni agricole, agroindustriali e dall’allevamento può essere utilizzata per produrre energia.

Biopsia cerca ricorrenze

Prelievo di un frammento di tessuto a scopo di analisi. Procedura che consiste nella raccolta di campioni di tessuto mediante l'impiego di un bisturi o aghi introdotti negli organi, spesso usando un ecografo per indirizzare il prelievo. Quando il prelievo serva a raccogliere liquidi e cellule, la procedura si definisce agoaspirato. I materiali aspirati, che siano campioni di tessuto o cellule isolate o liquidi, possono essere studiati in vario modo, a cominciare dall’'esame al microscopio.

biorisanamento cerca ricorrenze

Processo di bonifica di un ambiente inquinato mediante il quale i microrganismi sono stimolati a degradare rapidamente sostanze inquinanti fino a concentrazioni accettabili. 

biosensori cerca ricorrenze

Organismi biologici, in genere semplici, caratterizzati da reazioni note a certe concentrazioni di specifici inquinanti e utilizzati per questo motivo nei monitoraggi della qualità ambientale.

biosfera cerca ricorrenze

Zona della Terra dove si manifesta il fenomeno della vita. La fascia di massima attività vitale è concentrata sulla superficie terrestre e in ambiente marino fino a 200 metri di profondità.

Biosintesi cerca ricorrenze

Produzione di un composto organico da parte di un organismo attraverso reazioni catalizzate da enzimi (es. la biosintesi delle proteine).

Biossido di azoto cerca ricorrenze

E' un gas tossico di colore giallo-rosso, dall'’odore forte e pungente e con grande potere irritante. È considerato un inquinante secondario poiché non si forma direttamente dalle fonti, ma deriva generalmente dalla trasformazione, per ossidazione nell’'atmosfera, del monossido di azoto (NO). Le principali fonti antropogeniche di biossido di azoto sono le combustioni ad alta temperatura: i riscaldamenti civile e industriale, il traffico autoveicolare, le centrali di produzione di energia ed un’ampia gamma di processi industriali quali la produzione di vetro, calce, cemento, ecc.

biossido di carbonio (CO2) cerca ricorrenze

 

E’ un gas incolore, inodore e non velenoso che costituisce normalmente una porzione dell’aria ambiente. Il biossido di carbonio è anche un prodotto derivato dall’utilizzo dei combustibili fossili. Anche se non nuoce direttamente alla salute dell’uomo, è un gas serra che blocca le radiazioni infrarosse provenienti dalla terra contribuendo così al fenomeno del riscaldamento globale terrestre.

Biossido di zolfo cerca ricorrenze

E' un gas incolore dall'’odore pungente ed irritante, costituito da un atomo di zolfo e due atomi di ossigeno e conosciuto anche con il nome di (anidride solforosa - SO2). La principale fonte di inquinamento è costituita dalla combustione di combustibili fossili (carbone e derivati del petrolio) in cui lo zolfo è presente come impurezza. Il biossido di zolfo è un forte irritante delle vie respiratorie. È inoltre accertata una sinergia dannosa in caso di esposizione combinata con il particolato, dovuto probabilmente alla capacità di quest’'ultimo di trasportare il biossido di zolfo nelle zone respiratorie del polmone profondo. Le emissioni provocate direttamente dall’'uomo (a causa di riscaldamento e traffico) sono notevolmente diminuite grazie all’'utilizzo sempre crescente del metano e alla diminuzione della quantità di zolfo contenuta nel gasolio e in altri combustibili liquidi e solidi. Rimangono più preoccupanti le emissioni dovute alla presenza di centrali termoelettriche.

biota cerca ricorrenze

Tutti gli organismi viventi nella loro totalità.

Biotecnologie cerca ricorrenze

Termine che indica genericamente l'impiego di organismi viventi in processi produttivi di diversa natura, sia in ambito industriale che agricolo. Si può definire biotecnologia “qualsiasi tecnica che utilizza fenomeni biologici o processi determinati da micriorganismi, per ottenere un processo tecnologico, cioè un qualcosa che in natura non si verificherebbe senza una progettualità dell'uomo”. 

Biotina cerca ricorrenze

La biotina è una vitamina del gruppo B, nota anche come B8. Una carenza di biotina è assai rara; essa si manifesterebbe con alterazioni a carico della cute (desquamazioni). La biotina è molto diffusa nel regno animale e vegetale. È inoltre contenuta nel latte, formaggi, uova e nel pesce.

bitume cerca ricorrenze

Olio pesante, nero e ricco di zolfo, viene spesso raffinato per ottenerne olio sintetico.

BIVA cerca ricorrenze

bieletrical impedance vector analysis, rappresentazione grafica immediata circa lo stato idrico e nutrizionale del soggetto misurati con analizzatori di impedenza

Blastocisti cerca ricorrenze

Struttura che deriva dalla morula, che a sua volta si forma a partire dallo zigote ed è costituita da 2-300 cellule suddivise in una massa interna, che formerà l’'embrione, e uno esterno denominato trofoblasto. Ha un diametro di 0.1-0.2 millimetri. Si forma nelle fasi iniziali del processo di embriogenesi, con l'apparizione del blastocele. Generalmente si parla di blastocisti dal 4º al 14º giorno dopo la fecondazione.

Blastula cerca ricorrenze

Stadio embrionale che segna la fine della segmentazione durante lo sviluppo animale.

BMI cerca ricorrenze

body mass index, vedi Indice di massa corporea

BPL cerca ricorrenze

vedi Buona Pratica di Laboratorio

Bromo (Br) cerca ricorrenze

Elemento appartenente al gruppo degli alogeni. Pur essendo liquido a temperatura ambiente, è estremamente volatile e produce un rossastro vapore velenoso e soffocante composto da molecole biatomiche; a contatto con la pelle, provoca ferite che guariscono molto lentamente. 
 

BTX cerca ricorrenze

Sigla che indica la presenza di tre sostanze appartenenti alla classe dei COV (composti organici volatili): benzene, toluene, xilene. Il loro rilevamento è ritenuto particolarmente significativo in relazione agli effetti sulla salute umana.

Bulimia cerca ricorrenze

Disordine del comportamento alimentare consistente in una forte voracità per il cibo seguita da meccanismi compensatori, come il vomito auto-indotto.

Buona pratica clinica cerca ricorrenze

in accordo col D.M. 15 luglio 1997 per “buona pratica clinica” (Good clinical practice, GCP) s'intende: “uno standard internazionale di etica e qualità scientifica per progettare, condurre, registrare e relazionare gli studi clinici che coivolgono esseri umani”.

Buona Pratica di Laboratorio cerca ricorrenze

La Buona Pratica di Laboratorio (BPL) definisce il processo organizzativo, le condizioni ed i principi con cui le ricerche di laboratorio (studi non clinici) sono programmate, condotte, controllate, registrate e riportate, allo scopo di ottenere dati sperimentali di elevata qualità. I principi di Buona Pratica di Laboratorio sono stati adottati dall'OCSE per promuovere la qualità e la validità dei dati sperimentali utilizzati per valutare gli effetti sull'uomo, sugli animali e sull'ambiente di tutti i prodotti chimici (cosmetici, prodotti chimici per l'industria, prodotti medicinali, detergenti, additivi alimentari e coadiuvanti tecnologici, additivi per la mangimistica, antiparassitari, solventi e aromatizzanti usati nell'industria alimentare, costituenti chimici di materiali e di oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti, ecc.).

Butano cerca ricorrenze

Idrocarburo saturo relativamente diffuso. Il basso punto di ebollizione lo rende facilmente liquefacibile per cui viene spesso utilizzato sia industrialmente che in ambito domestico.
Il butano commerciale è una miscela complessa di idrocarburi composta da butano, isobutano, butene e isobutene. Questa miscela viene usata come combustibile domestico ed è venduta come “gas liquido”; per rilevare eventuali fughe di gas alla miscela si aggiungono anche sostanze che le conferiscono odore caratteristico.

Butilidrossianisolo cerca ricorrenze

E' un conservante utilizzato in alcuni alimenti, per esempio patatine fritte e gomme da masticare, e, nella cosmesi, in rossetti e creme idratanti. Può causare allergie.

Butilidrossitoluene cerca ricorrenze

Usato in associazione con il butilidrossianisolo (BHA) come conservante di alimenti. Può causare asma e orticaria.

© tutti i diritti riservati - disclaimer - seguici su facebook
Software by Olga de Aloe