Glossario - voci con G

Cliccare su una delle lettere elencate per richiamare la pagina con i termini che iniziano con tale lettera.
Gamete cerca ricorrenze

Cellula sessuale aploide che si forma nelle gonadi; durante la fecondazione, il gamete femminile (cellula uovo) si unisce con il gamete maschile (spermatozoo) per produrre uno zigote diploide

Gamete femminile cerca ricorrenze

Si definisce così l’'ovocita.

Gamete maschile cerca ricorrenze

Si definisce così lo spermatozoo.

Gas ad effetto serra cerca ricorrenze

Sostanze inquinanti presenti nell'atmosfera che tendono a bloccare l'emissione di calore dalla superficie terrestre. La loro concentrazione crescente nell'atmosfera produce un effetto di riscaldamento della superficie terrestre e della parte più bassa dell'atmosfera. L'elenco dei gas serra è molto ampio. Il Protocollo di Kyoto prende in considerazione un paniere di 6 gas serra: l'anidride carbonica (CO2), il metano (CH4), il protossido di azoto (N2O), i clorofuorocarburi (CFC), i perfluorocarburi (PFC) e l'esafloruro di zolfo (SF6).

gas serra cerca ricorrenze

Ogni gas che assorbe la radiazione infrarossa nell’atmosfera. Fra i gas serra vi sono il vapor d’acqua, l’anidride carbonica, il metano, l’ossido nitroso, i fluorocarburi alogenati, l’ozono, i perfluorocarburi e gli idrofluorocarburi.

gasolio cerca ricorrenze

Combustibile derivato dalla raffinazione del petrolio e costituito da una miscela di idrocarburi; più pesante delle benzine.

gassificazione cerca ricorrenze

Processo che consiste nella conversione del carbone in composti gassosi (anidride carbonica, metano, monossido di carbonio, idrogeno e miscele di essi). Viene eseguito per reazione con aria, vapore, ossigeno o loro miscele.

Gastrina cerca ricorrenze

Ormone digestivo, secreto dallo stomaco, che stimola la secrezione di succo gastrico

Gastrite cerca ricorrenze

infiammazione acuta o cronica dello stomaco, dovuta a cause diverse.

Gastronomia cerca ricorrenze

l’'arte di cucinare e preparare i cibi.

GCP (Good Clinical Practice) cerca ricorrenze

La buona pratica clinica (in inglese: Good Clinical Practice o GCP), è uno standard internazionale di etica e di qualità necessari alla progettazione, alla conduzione, alla registrazione ed alle modalità di relazione degli studi clinici che interessano soggetti umani.

Gemelli dizigotici cerca ricorrenze

Gemelli originati dalla fecondazione di due cellule uovo da parte di due differenti spermatozoi. Dal punto di vista genetico tra due gemelli dizigotici esiste la medesima relazione che intercorre tra fratelli o sorelle

Gene cerca ricorrenze

E' l'unità funzionale del patrimonio ereditario. Un gene è quella parte di DNA che contiene le informazioni per la fabbricazione di una singola proteina, o una parte di proteine complesse, che è effettuata da strutture specializzate della cellula. Se paragoniamo l'intero patrimonio genetico al progetto di una macchina, i vari geni costituirebbero le istruzioni per la fabbricazione dei singoli pezzi. Le sequenze di geni sono raccolte nei cromosomi.

Gene oncosoppressore cerca ricorrenze

Gene coinvolto nel controllo della proliferazione cellulare, modulando negativamente l'espressione dei proto-oncogèni e i loro segnali proliferativi. La inattivazione (per mutazioni o delezioni) di entrambi gli alleli di un oncosoppressore porta alla rimozione dei segnali negativi per la proliferazione e alla abnorme espressione dei proto-oncogèni con conseguente epressione del fenotipo tumorale.

Gene regolatore cerca ricorrenze

Gene che codifica per una proteina, per esempio un repressore, che controlla la trascrizione di un altro gene o di un gruppo di geni

Genetica cerca ricorrenze

Termine coniato da William Bateson nel 1906 per indicare lo studio della genesi delle forme degli esseri viventi e della loro riproduzione e successivamente divenuta un ramo delle scienze naturali che studia la struttura e la funzione dei geni, i caratteri da essi controllati, le modalità della loro trasmissione e la loro distribuzione all'interno di gruppi di popolazione.

Genetica inversa cerca ricorrenze

Modalità di analisi genetica che procede dal gene al fenotipo, cioè al contrario della genetica classica.

Genetica medica cerca ricorrenze

Ramo della genetica e della medicina che si occupa dello studio, della diagnosi e del trattamento delle malattie ereditarie o di malattie almeno in parte causate da anomalie genetiche.

Genetica molecolare cerca ricorrenze

La genetica molecolare è il campo della biologia e della genetica che studia la struttura e la funzione dei geni al livello molecolare.

Genetica umana cerca ricorrenze

La genetica dell'uomo. Riguarda sia obiettivi di interesse clinico (genetica medica) che le variazioni fisiologiche del fenotipo. Per superare le ovvie limitazioni che si incontrano nell'analisi sull'uomo rispetto a sistemi sperimentali, la genetica umana ha sviluppato appropriati metodi di inferenza.

Genoma cerca ricorrenze

Insieme dei geni presenti in un organismo.

Genomica cerca ricorrenze

La disciplina che studia l’'assetto dei geni e delle loro interazioni

Genomica nutrizionale cerca ricorrenze

La genomica nutrizionale o nutrigenomica è una scienza multidisciplinare che riesce a combinare la genetica con la nutrizione, cercando di svolgere un attivo ruolo preventivo, in difesa dell'organismo. La scienza che studia i rapporti tra il patrimonio genetico, il genoma, e la variabilità interindividuale ai cibi è la nutrigenetica (anche genetica nutrizionale), un termine introdotto da Brennan nel 1975.
La nutrigenomica prevede quindi l'applicazione di tecniche genomiche a problemi nutrizionali e alimentari. In definizione la nutrigenomica studia l'effetto del cibo e dei suoi costitutuenti sull'espressione genica. Ciò significa che la nutrigenomica è la ricerca che si focalizza sull'identificazione e la comprensione dell'interazione a livello molecolare tra sostanze nutritive e altri bioattivi alimentari con il genoma. I nutrienti, oltre che esplicare un effetto nutritivo, influenzano l'espressione di geni, la sintesi o la demolizione di proteine, attivando o inibendo vie metaboliche. Compito della nutrigenomica è quello di esaminare tali processi.

Genoteca (Gene library) cerca ricorrenze

Collezione di frammenti di DNA di dimensioni varie che rappresentano l'intero genoma di un organismo (genoteche genomiche), le sequenze nucleotidiche relative ad un unico cromosoma (genoteche cromosomiche) o la copia degli RNA messaggeri presenti in un certo tipo cellulare o tessuto (genoteche di cDNA). Tali frammenti di DNA sono inseriti in vettori (plasmidi, plasmidi P, batteriofagi, cromosomi artificiali di lievito o YAC=Yeast Artificial Chromosomes) in quanto ciò rende agevole la propagazione di tali sequenze nucleotidiche e ne semplifica l'analisi.

Genotipo cerca ricorrenze

Il complesso dell’'informazione genetica di un organismo, corrispondente all’'insieme degli alleli presenti nelle sue cellule che presiedono all’'espressione dei caratteri somatici (fenotipo). Il corredo genetico di un individuo è costituito dall'’insieme di tutti i geni presenti nel suo patrimonio ereditario.

genotossico cerca ricorrenze

Detto di un agente capace di danneggiare il DNA. Questo danno può essere mutagenico e/o carcinogenico.

GH cerca ricorrenze

Ormone della crescita, prodotto dall’'adenoipofisi. In inglese Growth Hormone (GH), stimola la crescita dei tessuti dell'’organismo. Indispensabile per il conseguimento di un normale accrescimento nelle prime fasi della vita, in seguito è cruciale per il mantenimento di organi e tessuti. Agisce promuovendo la mitosi, la crescita e la differenziazione delle cellule.

Ghiandola endocrina cerca ricorrenze

Organo che produce ormoni che libera nel sangue

Ghiandola esocrina cerca ricorrenze

Organo che produce sostanze che sono riversate all'’esterno dell’organismo, ad esempio sudore sulla pelle, o in cavità del corpo a contatto con l’'esterno, come le ghiandole che rilasciano la saliva nella bocca o quelle che liberano il muco nella vagina.

Ghiandola mammaria cerca ricorrenze

Insieme di tessuti ghiandolari esocrini presenti nelle mammelle.

GHIF cerca ricorrenze

Dall'’inglese Growth Hormone Inibitory Factor, traducibile in ormone che inibisce la secrezione dell'ormone della crescita (GH). Il GHIF inibisce il rilascio di GH da parte dell’'adenoipofisi.

GHRH cerca ricorrenze

Dall'’inglese Growth Hormone Releasing Hormone, traducibile in ormone stimolante la secrezione dell'ormone della crescita (GH). IL GHRH stimola il rilascio di GH da parte dell’'adenoipofisi.

Gittata cardiaca cerca ricorrenze

Sangue pompato, nell’'unità di tempo, dal cuore verso l’'aorta.

Glicemia cerca ricorrenze

Esame di laboratorio che esprime la concentrazione di glucosio, un tipo di zucchero, nel sangue.

Valori di riferimento della glicemia plasmatica (mg/dl)¨
Ipoglicemia Glicemia < 60 mg/dl
Normalità Glicemia a digiuno: 60-99 mg/dl (3.3-5.5 mmol/L)°
Glicemia < 140 mg/dl dopo 2 ore da test da carico di glucosio (< 7.8 mmol/L)
Alterata glicemia a digiuno (IFG) Glicemia a digiuno: 100-125 mg/dl (≥ 5.5 – < 70 mmol/L)°
(Solo l’OMS indica ancora un range di 110-125 mg/dl)
Intolleranza al glucosio (IGT) Glicemia = 140-199 mg/dl dopo 2 ore da prova da carico (≥ 7.8 – < 11.1 mmol/L)
Diabete Glicemia a digiuno ≥ 126 mg/dl* (≥ 7 mmol/L)°
Glicemia ≥ 200 mg/dl dopo 2 ore dal test da carico (≥ 11.1 mmol/L)
Glicemia ≥ 200 mg/dl in qualsiasi momento della giornata (rilievo occasionale)
¨ mg/dl significa milligrammi di glucosio in 100 millilitri di sangue
° mmol/L significa millimoli di glucosio in 1 litro di sangue
*In almeno due diverse occasioni è sufficiente a fare diagnosi di diabete, secondo le linee guida dell’American Diabetes Association e le Linee Guida Italiane).

Glicerolo cerca ricorrenze

Componente dei trigliceridi. Il glicerolo è un alcol trivalente in grado di legarsi ai gruppi carbossilici degli acidi grassi formando i trigliceridi, cioè i lipidi semplici più comuni.

Glicolisi cerca ricorrenze

Glicolisi: letteralmente indica la scissione del glucosio. È articolata in dieci tappe in cui sono coinvolti dieci enzimi; inoltre, può essere suddivisa in due fasi: una prima fase preparatoria e non ossidativa e una seconda fase ossidativa in cui si ha la maggior produzione di ATP.

Globulo polare cerca ricorrenze

E' la seconda cellula che si forma nella femmina dalla prima divisione meiotica (nel corso dell'oogenesi) e che non riceve praticamente citoplasma, che invece passa all'altra cellula destinata a dare origine all'uovo. E' una cellula che si potrebbe definire incompleta, perché ha un citoplasma molto ridotto e riserve di nutrimento inadeguate alla sopravvivenza; la maggior parte di esse, infatti, nella meiosi dell’'ovocita primario, sono state acquisite dall'’ovocita secondario.

GLP (Good Laboratory Practice) cerca ricorrenze

Per buona pratica di laboratorio (BPL; in lingua inglese: Good Laboratory Practice, GLP) si intende un complesso di regole riguardanti le procedure organizzative e le condizioni con cui, nei cosiddetti “Centri di Saggio”, sono programmate, eseguite, controllate, registrate e archiviate le ricerche di laboratorio per le prove non cliniche

Glucagone cerca ricorrenze

Ormone prodotto dalle cellule, denominate “alfa”, delle isole del Langherans del pancreas. Gli effetti principali del glucagone riguardano il metabolismo del glucosio e, in particolare, l'’ormone favorisce la gluconeogenesi, la metabolizzazione del glicogeno per produrre glucosio e la lipolisi. Nell'’insieme, in condizioni normali, gli effetti del glucagone tendono ad aumentare la glicemia.

Glucidi cerca ricorrenze

composti ternari costituiti da C (carbonio), H (idrogeno), O (ossigeno). Si possono distinguere in monosaccaridi (1 molecola); disaccaridi (2 molecole); polisaccaridi (più molecole). Sono monosaccaridi il glucosio, il fruttosio e il galattosio; sono disaccaridi il saccarosio (zucchero da cucina) o il lattosio (zucchero del latte); sono polisaccaridi l'amido, il glicogeno (o amido animale), la cellulosa. Per essere assorbiti e utilizzati i carboidrati più complessi devono essere scissi nei monosaccaridi costituenti e questo avviene grazie alla presenza di specifici enzimi salivari ed intestinali, durante il processo digestivo dei carboidrati. I principali carboidrati di interesse alimentare possono essere distinti in semplici (glucosio, fruttosio, saccarosio, maltosio, lattosio) e complessi (amido e fibra alimentare). I carboidrati sono la principale fonte di energia utilizzata dall'organismo. I carboidrati dovrebbero costituire il 50-60% della quota calorica giornaliera e, di questi, meno del 10% dovrebbe essere costituito dagli zuccheri semplici. Infatti mentre questi ultimi danno una energia immediata, i carboidrati complessi sono metabolizzabili più lentamente e danno un senso di sazietà più prolungato. I carboidrati complessi, dal punto di vista alimentare sono essenzialmente di origine vegetale [cereali (quindi pane, pasta, pizza), tuberi e legumi].

Gluconeogenesi cerca ricorrenze

Produzione di glucosio da parte delle cellule dell’organismo.

Glucosio cerca ricorrenze

La parola deriva dal greco glykys = dolce, e indica lo zucchero presente allo stato libero in numerosi frutti e nella maggior parte dei liquidi organici. Si trova nel circolo sanguigno nell’uomo e viene usato dalle cellule come fonte di energia di pronto impiego.

Glutatione cerca ricorrenze

Il glutatione o GSH è un tripeptide con proprietà antiossidanti, costituito da cisteina e glicina, legate da un normale legame peptidico, e glutammato, che invece è legato alla cisteina con un legame peptidico atipico tra il gruppo carbossilico della catena laterale del glutammato e il gruppo amminico della cisteina. Il g. rappresenta all'’interno delle cellule il più abbondante composto (circa il 95% del totale) contenente gruppi solfidrilici ridotti (-SH) e ha la funzione di mantenere allo stato ridotto i gruppi -SH di molti enzimi e proteine.
Rilevante è la sua azione sia contro i radicali liberi o molecole come perossido di idrogeno, nitriti, nitrati, benzoati e altre. Svolge un'importante azione nel globulo rosso, proteggendo tali cellule da pericoli ossidativi che causerebbero l'emolisi. Elemento importante per il suo funzionamento è il NADPH. Tale molecola è un derivato della vitamina PP (acido nicotinico) e funziona da cofattore ossido-riduttivo dell'enzima glutatione reduttasi (o GSR). L'enzima rigenera il glutatione ridotto (GSH) a partire da glutatione ossidato (o GSSG) attraverso gli elettroni ceduti dal NADPH al GSSG.

Glutine cerca ricorrenze

Il glutine è una sostanza lipoproteica che origina dall'unione, in presenza di acqua ed energia meccanica, di due tipi di proteine: la gliadina e la glutenina presenti principalmente nell'endosperma delle cariosside di cereali quali frumento, farro, segale e orzo. Il glutine conferisce agli impasti viscosità, elasticità e coesione. Pertanto la quantità e la qualità di glutine presente in una farina è un importante indice per valutarne la qualità e l'attitudine alla panificazione. In una farina di grano tenero tipo 00, secondo la legge italiana, la quantità minima di glutine secco è del 7% e, generalmente, a parità di altri fattori (umidità, colore, ceneri...), maggiore è il contenuto di glutine migliore è la qualità del prodotto. La farina di frumento ne contiene il 10-15%. Il glutine, pur essendo una proteina, è carente nell'amminoacido lisina.

GMP (Good Manufacturing Practices) cerca ricorrenze

Le norme di buona fabbricazione, o buone prassi di fabbricazione, sono un insieme di regole, procedure e linee guida in base alle quali vengono prodotti i farmaci, i cibi e le sostanze farmacologicamente attive (in inglese Active Pharmaceutical Ingredients, API); contemplano le condizioni e le procedure di lavorazione che, sulla base di una lunga esperienza, si sono dimostrate in grado di offrire qualità e sicurezza costanti

Gonadi cerca ricorrenze

Organi nei quali si producono i gameti: ovaie e testicoli. Nelle gonadi vengono anche prodotti ormoni che regolano la funzione riproduttiva e non solo.

Gonadotropine cerca ricorrenze

Si definiscono così gli ormoni, come FSH e LH, che regolano la funzione delle gonadi.

Gozzo cerca ricorrenze

Modificazione del tessuto della tiroide che determina un aumento della consistenza e del volume dell'’organo e una modificazione della sua forma. Può conseguire a varie malattie che colpiscono l’'organo.

Gozzo multinodulare cerca ricorrenze

E' un tipo di gozzo caratterizzato da numerosi noduli che alterano l’'aspetto generale dell'’organo.

Gozzo tossico multinodulare cerca ricorrenze

Un gozzo multinodulare al quale si associa ipertiroidismo.

GPL cerca ricorrenze

Acronimo di Gas di Petrolio Liquefatto. E’ formato da una miscela di propani e butani e costituisce una delle frazioni presenti nei petroli leggeri o nei gas naturali "umidi".

Grande per età gestazionale cerca ricorrenze

Si definisce così un neonato che, alla nascita, ha dimensioni superiori a quelle attese sulla base della durata della gravidanza, o gestazione.

Granulociti cerca ricorrenze

Cellule del sistema immunitario che devono il nome alla presenza al loro interno di “granuli” di varia forma e che assumono diverse colorazioni quando posti a contatto con specifici coloranti. I granulociti neutrofili ed eosinofili hanno la capacità di legare e distruggere agenti potenzialmente dannosi, come i batteri. I granulociti eosinofili e quelli definiti basofili esprimono, sulla superficie della membrana, molecole denominate recettori che legano gli anticorpi del tipo IgE. I granulociti basofili, che si trovano nel sangue, sono simili a cellule, chiamate mastociti (in inglese mast cell), presenti nei tessuti. I granuli dei granulociti basofili contengono molecole e mediatori, come l'’istamina, coinvolti sia nei meccanismi dell'’infiammazione che in quelli delle reazioni allergiche.

Granulosa cerca ricorrenze

Accumulo di cellule che circonda la cavità del follicolo ovarico in fase avanzata di maturazione.

Grassi cerca ricorrenze

vedi lipidi.

Grassi saturi cerca ricorrenze

Si definiscono così i grassi presenti in alimenti come il latte intero, il burro, i formaggi, le carni e i salumi. Ad essi si attribuiscono effetti negativi sul metabolismo, in termini di accumulo di grassi nell'’organismo e possibile aumento del colesterolo nel sangue.

Grasso corporeo cerca ricorrenze

Tutto il grasso immagazzinato nell’'organismo. In grandissima parte è contenuto nel tessuto adiposo, ma se ne possono trovare quantità significative in organi come il fegato.

Grasso di deposito cerca ricorrenze

sommato a quello primario ci dà l'entità del grasso corporeo totale; è concentrato a livello sottocutaneo, toracico - addominale, intra ed intermuscolare.

Grasso primario o essenziale cerca ricorrenze

rappresenta la quota di adipe contenuta nel sistema nervoso centrale, nel midollo osseo, nelle ghiandole mammarie, nei reni, nella milza ed in altri tessuti.

Grasso sottocutaneo cerca ricorrenze

Le parti di tessuto adiposo localizzate sotto gli strati più profondi della pelle.

Grasso viscerale cerca ricorrenze

Le parti di tessuto adiposo localizzate nella cavità dell’'addome (nella pancia).

Gravidanza cerca ricorrenze

Condizione nella quale si trova la donna dal momento del concepimento al parto. La gravidanza è a termine se arriva alla sua regolare conclusione.

Growth Hormone Releasing Hormone cerca ricorrenze

Dall'’inglese Growth Hormone Releasing Hormone, traducibile in ormone stimolante la secrezione dell'ormone della crescita (GH). IL GHRH stimola il rilascio di GH da parte dell’'adenoipofisi.

Gruppi di alimenti: carne, pesce, uova cerca ricorrenze

Ha la funzione principale di fornire oligoelementi (zinco, rame, ferro altamente biodisponibile), proteine di ottima qualità biologica e vitamine del complesso B. Nell'ambito del gruppo sono da preferire le carni magre e il pesce. Si dovrebbero mangiare 1-2 porzioni di alimenti di questo gruppo al giorno.

Gruppi di alimenti: cereali e tuberi cerca ricorrenze

Questo gruppo comprende pane, pasta, riso, altri cereali minori (orzo, mais, avena) e patate. Questi alimenti costituiscono la più importante fonte di amido, e quindi di energia facilmente utilizzabile. I cereali e derivati apportano buone quantità di vitamine del gruppo B nonché di proteine che, pur essendo di scarsa qualità possono, se unite a quelle dei legumi, dare origine a una miscela proteica di buon valore biologico. Sono da preferire i prodotti meno raffinati, più ricchi in fibra alimentare. Si dovrebbero mangiare 2-4 porzioni di alimenti di questo gruppo al giorno.

Gruppi di alimenti: frutta e ortaggi cerca ricorrenze

Il gruppo comprende frutta, ortaggi e legumi e rappresenta una fonte importantissima di fibra, di provitamina A (carote, peperoni, pomodori, albicocche, meloni, ecc), di vitamina C (agrumi, fragole, kiwi, pomodori, peperoni, ecc.), di altre vitamine e dei più diversi minerali (di particolare importanza il potassio) e di antiossidanti. Si dovrebbero mangiare 3-5 porzioni di alimenti di questo gruppo al giorno.

Gruppi di alimenti: grassi da condimento cerca ricorrenze

Comprende sia i grassi di origine vegetale che quelli di origine animale. Il loro consumo deve essere contenuto. Sono da preferire i grassi di origine vegetale (ed in particolare l'olio extravergine di oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, panna, lardo, strutto).

Gruppi di alimenti: latte e derivati cerca ricorrenze

Comprende latte, yogurt, latticini e formaggi. La funzione principale è quella di fornire calcio, in forma altamente biodisponibile. Gli alimenti di questo gruppo contengono inoltre proteine di ottima qualità biologica e alcune vitamine (B2 e A). Nell'ambito del gruppo sono da preferire il latte parzialmente scremato e i latticini e i formaggi meno grassi. Si dovrebbero mangiare 1-2 porzioni di alimenti di questo gruppo al giorno.

© tutti i diritti riservati - disclaimer - seguici su facebook
Software by Olga de Aloe